Rete degli archivi della Democrazia cristiana
e del cattolicesimo democratico piemontese

Il progetto si propone di far conoscere e rendere fruibili gli archivi prodotti da strutture e personalità della Democrazia Cristiana piemontese, da una parte proseguendo il programma di inventariazione dei fondi già conservati dalla Fondazione Donat-Cattin, dall’altra mappando e censendo – e qualora sia necessario per la loro salvaguardia acquisendo, trattando e conservando – gli archivi conservati da privati già esponenti di rilievo del partito a livello nazionale e locale e loro eredi, nonché da associazioni, istituti e realtà diversi. Il progetto intende proseguire idealmente e dare sostanza agli orientamenti tracciati dal convegno “La Democrazia Cristiana piemontese. La storia, gli uomini, gli archivi”, Torino, Palazzo Madama, 16 aprile 2012, organizzato da Fondazione Donat-Cattin, Fondazione Goria, Istituto Sturzo e Soprintendenza Archivistica per il Piemonte e la Valle d’Aosta, sotto l’alto patrocinio del Presidente della Repubblica.

Il progetto prevede la pubblicazione della mappa degli archivi, dei loro inventari, di documenti testi e immagini significativi. Prevede inoltre la pubblicazione di schede di contestualizzazione che consentano di collocare i suddetti archivi nel quadro della storia politica piemontese ed italiana, nonché dei risultati di una campagna di interviste in corso di realizzazione.

error: Contenuto protetto da Copyright.