Canzoniere del Lavoro

«Questa raccolta di canti italiani del lavoro vuole essere, oltre che un rapido documentario storicamente e politicamente commentato, un vero e proprio canzoniere, cioè uno strumento d’uso. […] Scorrere oggi quei vecchi canzonieri significa, se soltanto si fa un po’ d’attenzione, capire più e meglio la situazione politica del loro tempo. Per questo i vecchi canzonieri sono documenti storici prima che piacevoli «curiosità». Anche in questo dopoguerra si sono stampati dei canzonieri politico-sociali, ma i tempi erano profondamente mutati e la canzone, l’inno, il canto come mezzo di comunicazione ideologica e di provocazione politica avevano perduto il loro antico valore.»*

* Dalla prima pagina di Cinquanta canzoni per la protesta operaia, inserto di «Vie Nuove», Roma, a. XX, n. 17, 29 aprile 1965, pp. 32. Preparato da: Luigi Arbizzani, Dante Bellamìo, Cesare Bermani, Gianni Bosio, Franco Coggiola, Giampiero Dell’Acqua, Ivan Della Mea, Sandra Mantovani, Michele L. Straniero, del gruppo di studi e ricerche del «Nuovo Canzoniere Italiano».

Per sfogliare le pagine usare  le freccie. ⇦ ⇨

Questo inserto fa parte del fondo Michele L. Straniero  LINK

Archivio di Michele L. Straniero
La Fondazione ha acquisito l’archivio personale di Michele L. Straniero, figura di rilievo della cultura italiana del ‘900. Cantautore, musicologo e giornalista italiano, fu fondatore, a Torino, del gruppo di Cantacronache, amico e sodale dei personaggi più rappresentativi del ‘900, da Umberto Eco a Gianni Vattimo, da Furio Colombo a Sergio Liberovici, è considerato tra i precursori dell’esperienza dei cantautori italiani e della canzone di denuncia. La Fondazione realizzerà, nel corso del 2021, un intervento di schedatura, ordinamento e inventariazione, e di digitalizzazione del materiale iconografico e dei documenti più significativi o a rischio di degrado; la pubblicazione su 9centRo; un ciclo di eventi di presentazione dell’archivio e musicali.

error: Contenuto protetto da Copyright.